Hand Made, Storie & Viaggi

Sparagn e cumparisc, la tee-shirt parla il dialetto

6 Febbraio 2020

La tee- shirt “parlante” è uno dei must  have degli utlimi anni, slogan, aforisimi, frasi innegianti alla libertà, al femminismo;  ma cosa succede se la tee parla il dialetto?

Traduzione: Risparmi e fai bella figura

Il mondo imperante dei social, ci ha spinti sempre più in là con la curiosità e soprattutto con l’omologazione, la moda ovviamente non è immune e sempre di più influencer, blogger (se ne esistono ancora) e  celebrità amano indossare indumenti che trasmettono un messaggio. Meglio ancora se questo descrive uno stato d’animo, una condivisione di un’idea.

Nel mondo del politically correct, non si parla di politica apartamente, ma attraverso una tee si può fare!

Sparagn e cumparisc, il brand che fa del dialetto una moda.

Anastasia, è la grafica ideatrice di questo giovane brand, che ha raggiunto in pocchissimi tempo il successo, sia attraverso l’utilizzo comunicativo dei social, sia attraverso l’apertura di un temporary shop a Vasto.

Traduzione: Schiaffo

Chissà se indossando la sua prima tee-shirt, richiesta poi da tutta la sua cerchia di amici,  Anastacia immaginava tutto questo seguito? Perchè Sapargn non è solo un brand, ma attorno ad accessori che fanno del dialetto un vanto, è nata una vera e propria community.

La nostra chiacchierata comincia così…

  • La scelta di rimanere in Abbruzzo, è anche dettata dal fatto che nella tua regione si sta bene?

Si, poi con il lavoro che faccio non c’è la necessitàdi spostarsi fisicamente, lo faccio da remoto. Non mi piacciono le città caotiche, i mezzi pubblici, vivrei nell’ansia.

  • Come è stato il passaggio dall’indossare una tee con uno slogan dialettale alla creazione di un brand e di una community?

Semplice non direi, lavoravo in uno studio grafico tutto il giorno e quindi dovevo trovare il tempo per sviluppare al meglio questa idea. Però la cosa è diventatata subito virale, e ho dovuto tenere il passo con le richieste crescenti.

  • Pensi, che se i social non fossero diventati uno strumento di comunicazione potentissimo, brand come il tuo avrebbero avuto lo stesso successo?

Lo stesso successo no, ma avrei trovato comunque il modo di farmi conoscere.  Esitono le ads online, il cartaceo, ed il classico banchetto artigiano nelle fiere. Anche il passparola funziona molto bene.

  • Cosa ti piace di Instagram, e cosa cambiaresti di questo nuovo modo di comunicare?

Instagram è il luogo virtuale che mi prmette di tenere i contatti con gli abbruzzesi fuorisede, di conoscere brand anche lontani fisicamente, in generale mi piace perchè mi permette di confrontarmi con  altre culture; infondo le mie creazioni sono rappresentative di una cultura.

  • Ho notato anche la scelta di livellare i prezzi dei tuoi prodotti, come mai?

Perchè il mio motto è Sparagn e cumparisc, in pratica risparmi e fai bella figura. E poi perchè il mio obbiettivo è far parlare il dialetto ai ragazzi.

  • Il tuo legame con la terra è molto forte, cosa hai notato nei giovani abbruzzesi?

Un forte legame con le origini, soprattutto per quelli che per ragioni di studio o di lavoro sono emigrati.

  • Quali sono i temini dialettali ai quali sei più legata?

 Sparagn ovvio e Bradasce.

Insomma le scritte in questo caso non fanno solo moda, ma sono un mezzo per non dimenticare chi siamo, da dove veniamo e soprattutto dove vorremmo essere.

Io a mangiare un piatto di cace e ove (polpette di formaggio e uova), e se siete curiosi di provare la ricetta eccola qui!

 

 

Baci,

LaLu

 

5 commenti per Sparagn e cumparisc, la tee-shirt parla il dialetto

  1. Idea bellissima, i dialetti hanno degli slang che secondo me riescono a rendere i concetti molto meglio e a volte a prenderli anche con la giusta ironia. Inoltre, come giustamente hai detto si stanno perdendo e questo è un enorme peccato.
    Bacione bellezza e buona giornata! :*
    Luna

  2. Sono divertentissime e suoer originali queste tee! Basta che si sappia quello che c’è scritto sopra, però! ^^’
    Insomma se fossero scritte in romano io le comprerei di sicuro!
    A me fa troppo ridere quella con scritto lecca musse nel simbolo dei Chupa Chups, sembra che parli di una cosa di cucina e invece vuole dire schiaffo! XD
    Baci!
    S
    https://s-fashion-avenue.blogspot.com

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

For security, use of Google's reCAPTCHA service is required which is subject to the Google Privacy Policy and Terms of Use.

I agree to these terms.